La trilogia di “Il padrino”: 10 cose che potresti non sapere

Table of Contents

    Browse in the Library:

    and subscribe to our social channels for news and music updates:

    Il Padrino: ecco alcuni fatti sui film pluripremiati incentrati sull’immaginaria famiglia criminale Corleone.

    È una delle serie di film più popolari e acclamate dalla critica nella storia di Hollywood. Ma quando Il Padrino era in produzione, era tutt’altro che un successo infallibile. Dai litigi sul casting alla battaglia nella vita reale dei produttori con i boss della criminalità organizzata, ecco la storia che potresti non sapere sui film Il Padrino.

    Sia Mario Puzo che Francis Ford Coppola sono venuti al progetto a causa di problemi di denaro.

    Mario Puzo era uno scrittore nato a New York che aveva pubblicato diversi libri precedenti con scarsi consensi, ancor meno vendite e aveva persino lavorato sotto uno pseudonimo come scrittore per riviste pulp. Entro la metà degli anni ’60, aveva una famiglia numerosa e crescenti debiti di gioco.

    Desideroso di trovare un argomento che pensava potesse piacere alle masse, rivolse la sua attenzione alla criminalità organizzata, che era diventata un argomento caldo grazie a una serie di audizioni televisive al Congresso degli Stati Uniti negli anni ’50 e ’60. Nel 1968, vendette i diritti per il suo libro ancora da pubblicare alla Paramount Pictures, che rimase scioccata quando divenne un bestseller nel 1969.

    il padrino spariti the godfather sheet music pdf

    Nello stesso anno, il regista Francis Ford Coppola aveva co-fondato il suo studio cinematografico indipendente, American Zoetrope, con l’amico e collega George Lucas. La nuova compagnia stava lottando e, sebbene Coppola avesse inizialmente rifiutato la Paramount quando gli si sono avvicinati per dirigere il film (non riusciva nemmeno a finire il libro la prima volta che ha provato a leggerlo), Lucas e altri lo hanno convinto ad accettare il lavoro per assicurarsi i fondi tanto necessari per Zoetrope.

    The Godfather Waltz – Nino Rota (with sheet music)

    Scarica la migliore colonna sonora del film dalla Libreria degli spartiti. Download the best film score from the Sheet Music Library.

    Il primo film sembrava quasi molto diverso

    Una delle prime battaglie di Coppola con la Paramount è stata per l’ambientazione e il budget del film. Desideroso di risparmiare denaro, lo studio aveva spinto Puzo a scrivere una bozza che aggiornasse l’azione agli anni ’70. Quando Coppola è salito a bordo, ha insistito sul fatto che rimanesse fedele al mondo degli anni ’40 che Puzo aveva originariamente immaginato. Ha anche rifiutato il loro suggerimento di risparmiare denaro sparando fuori New York City (Kansas City era un suggerimento), ma Coppola ancora una volta ha tenuto duro.

    Coppola in seguito ha detto di essere stato quasi licenziato diverse volte durante le riprese ed era convinto di essere stato salvato vincendo un Oscar durante le riprese (un premio per la migliore sceneggiatura originale per Patton). Esasperato da diversi membri della troupe che credeva non fossero favorevoli alla sua visione del film, Coppola li licenziò, incluso un montatore che stava cercando il lavoro di Coppola. Una persona che Coppola ha protetto? Il direttore della fotografia Gordon Willis, il cui uso iconico delle ombre e dell’oscurità ha fatto infuriare i capi della Paramount, ma ha conferito al film il suo aspetto iconico.

    Lo studio si è opposto alla scelta del casting di Coppola per Vito Corleone

    Sebbene Marlon Brando sia considerato uno degli attori più rispettati del 20° secolo, all’inizio degli anni ’70 si era guadagnato la reputazione di essere difficile e poco professionale. Quindi, forse non è stata una sorpresa che nessuno alla Paramount volesse sceglierlo per il ruolo di Vito Corleone. Lo studio voleva che Coppola prendesse in considerazione gli attori Danny Thomas, Burt Lancaster, Ernest Borgnine, Anthony Quinn o altri, ma Coppola ha insistito sul fatto che Brando fosse la sua unica scelta.

    Lo studio ha stipulato diverse clausole che ritenevano che Brando avrebbe rifiutato, incluso uno stipendio basso, una cauzione per coprire eventuali costi finanziari dovuti ai ritardi e sottoporsi a un provino. Coppola ha ingannato l’attore volubile dicendogli che voleva filmarlo in privato per elaborare alcune idee per il film. La straordinaria trasformazione fisica di Brando in Corleone (incluso il fatto di spingersi i fazzoletti nella parte inferiore delle guance) ha finalmente convinto la Paramount a sceglierlo.

    Anche la Paramount non era entusiasta di scegliere Al Pacino per il ruolo di Michael Corleone

    Al momento del casting, Al Pacino era un giovane attore con esperienza teatrale a New York ma solo un merito cinematografico. All’inizio del processo, lo studio aveva offerto il ruolo di Michael Corleone a Warren Beatty, Robert Redford e Jack Nicholson, che sono passati tutti. Altri che hanno fatto il provino per il ruolo includevano Martin Sheen e Robert De Niro. De Niro ha anche fatto un provino per il ruolo di Sonny Corleone, ma in seguito è stato scelto per interpretare il giovane Vito in Il Padrino II.

    James Caan, che alla fine avrebbe interpretato il figlio maggiore dalla testa calda Sonny, è stato inizialmente scelto per il ruolo di Michael, con un altro attore nel ruolo di Sonny. I produttori alla fine hanno convinto Coppola a licenziare l’altro attore e dare a Caan il ruolo, con Pacino nei panni del figlio più giovane Michael.

    Grazie alla mafia della vita reale, la parola ‘mafia’ non compare mai nel primo film

    Nel 1970, un gruppo (guidato in parte dal boss della famiglia criminale Joe Colombo Sr.) formò la Italian American Civil Rights League, con l’obiettivo di eliminare gli stereotipi e le rappresentazioni offensive negli affari e nei media. Il gruppo ha subito messo gli occhi su Il Padrino, protestando contro il film dal momento in cui è stato annunciato. Ma Colombo avrebbe portato le cose ancora oltre.

    La sparatoria è stata minacciata da costosi arresti del lavoro volti a far deragliare la produzione, progettati dai gruppi criminali organizzati che controllavano i sindacati. I finestrini dell’auto del produttore Albert Ruddy sono stati fatti saltare in aria e l’amministratore delegato della Paramount Robert Evans ha affermato di aver ricevuto telefonate che minacciavano lui e la sua famiglia, inclusa l’allora moglie Ali MacGraw.

    In February 1971, just before filming began, Ruddy sat down with Anthony Colombo, one of Joe Sr’s sons, and hashed out a compromise. The League agreed to give its approval if the producers allowed the League to review the script (and remove the words “mafia” or “La Cosa Nostra”) and donate the proceeds of the New York premiere to the League. Ruddy’s public deal infuriated Paramount, who threatened to fire him, but it ended the boycotts and threats.

    Colonna sonora Il Padrino (Godfather Soundtrack)

    Best Sheet Music download from our Library.

    Browse in the Library:

    and subscribe to our social channels for news and music updates:

    sheet music library

    It’s nice to meet you.

    Sign up to receive our new posts in your inbox.

    We don’t spam! Read our privacy policy for more info.