LA MUSICA È PER TUTTA LA VITA (spartiti per download)

LA MUSICA È PER TUTTA LA VITA (spartiti per download)
di Jamey Aebersold

Tutti vorrebbero poter suonare uno strumento musicale. Chiedi a chiunque. Le ragioni varieranno sul motivo per cui non suonano musica. Questo desiderio è, credo, insito nell’essenza stessa degli umani, la loro anima, la parte interiore dell’umanità che spesso non ha la possibilità di svilupparsi nel nostro presente sistema educativo. Soprattutto nella musica!

partitions gratuites Noten spartiti LA MUSICA È PER TUTTA LA VITA (spartiti per download)

La mia domanda è… cosa abbiamo fatto con il desiderio originale degli studenti di suonare? Lo abbiamo alimentato e fatto salire come una fiamma o gli abbiamo semplicemente chiesto di partecipare a uno sforzo di gruppo che può essere utilizzato come pubblicità per il sistema scolastico, la sicurezza del lavoro del direttore musicale o altri motivi non educativi? Chiediamo MAI a uno studente di usare la propria IMMAGINAZIONE durante una prova o una lezione di musica? Fare musica e usare la propria immaginazione vanno di pari passo.

Albert Einstein disse: “L’immaginazione è più importante della conoscenza”.

Per favore, iscriviti alla nostra Biblioteca. Grazie!

Please, subscribe to our Library. Thank you!

Lo SCOPO A LUNGO RAGGIO della musica è quello di fornire un mezzo di espressione e comunicazione personale, assumendo che l’individuo possa suonare fisicamente il proprio strumento. Solo perché non insegniamo ai musicisti come essere creativi non significa che perdano il desiderio di creare. Imparano solo ad essere creativi in ​​qualche altro campo, non nella musica. Che peccato. Zoltan Kodaly ha detto: “Ogni bambino sano improvviserebbe se glielo permettessimo”.

Una percentuale estremamente alta di studenti di band smettono di suonare i propri strumenti non appena lasciano la scuola superiore/l’università. Non è mai stato insegnato loro a usare la musica, poiché erano altre forme di continuo sviluppo personale. La musica per loro significava suonare nella banda o nell’orchestra o cantare nel coro.
E suonare nella band significava far parte di un gruppo che viene spesso utilizzato dalla scuola, dal direttore della band o dall’amministrazione scolastica per promuovere eventi sportivi o ottenere copertura giornalistica portando a casa un trofeo da qualche competizione musicale.

Jazz Play Along – Blue Moon (sheet music)

L’INDIVIDUO e la sua crescita musicale sembrano essere perduti quando iniziamo a pensare in termini di numero di studenti iscritti, marcia, bande di incoraggiamento, competizione, concorso, ecc. Cosa è successo all’individuo che inizialmente voleva
SUONARE MUSICA e imparare a FARE MUSICA, forse anche la musica che lui o lei sente nella propria mente, o canticchia, o fischia?

Il nostro sistema attuale offre poche opportunità per l’individuo di aumentare la propria creatività nella musica. Tutti devono far parte di uno sforzo di gruppo o niente. Non ho nulla contro i gruppi perché siamo una società di persone orientate al gruppo e io sono un membro di quella società. Uno studente PUÒ avere la possibilità di FARE veramente MUSICA, se si iscrive a un gruppo jazz e se l’istruttore lo incoraggia a usare la propria IMMAGINAZIONE e imparare a IMPROVVISARE usando le varie scale e accordi che compongono la musica.

Perché lo studente abbandona la musica come partecipante dopo essersi diplomato al liceo o all’università? Sento che è perché non hanno un gruppo con cui giocare. I programmi musicali odierni non li hanno attrezzati per riprodurre musica nel vero senso della parola.

SUONARE MUSICA significa essere in grado di suonare le melodie che vagano nella mente di una persona, sullo strumento scelto, spontaneamente. Questo di solito è chiamato improvvisazione o jazz. TUTTE le persone, dal principiante di due settimane al musicista sinfonico o al musicista jazz, possono improvvisare. Tuttavia, non tutti si avvalgono dell’opportunità perché non sono stati mostrati o insegnati. Sono in perdita su come portare
queste melodie nascoste fuori dalla loro mente e nel mondo udibile, così anche gli altri possono apprezzarle.

Musica significa condivisione e quando suono una melodia e tu la senti, condivido parte del mio essere interiore, musicalmente, con te. Nella misura in cui pratico e perfeziono il mio strumento, posso sollevare il morale, eccitarti, renderti triste, ecc., a seconda di come tu ed io ci sentiamo al momento e quanto bene posso eseguire le idee della mia mente. Questo è essere CREATIVO CON LA MUSICA. Questa è la “gioia della musica” di cui parla Leonard Bernstein.

Non è necessario essere talentuosi o speciali per improvvisare con la musica. Improvvisare è il modo più naturale di fare musica. La nostra natura originaria è improvvisare, creare. Ascolta gli studenti in una sala band che riscaldano i loro strumenti. Quello che senti sono tentativi di improvvisazione.
Disorganizzato, ma nondimeno improvvisato. Forse quello che noi educatori dobbiamo fare è imparare a rimuovere gli ostacoli all’improvvisazione e permettere alla naturale capacità creativa degli studenti di manifestarsi.

Quando i compositori hanno originariamente scritto la musica che ascoltiamo ogni giorno, erano creativi. Nella mia mente non c’è alcuna differenza tra un bambino che canta una semplice melodia, e poi la suona sul proprio strumento, e un rispettato compositore che scrive una sinfonia. Entrambi sono creativi.
Uno ha più esperienza a cui attingere e, quindi, il suo prodotto finale ha maggiori possibilità di dare un contributo duraturo alla società.

Questo elemento creativo è sempre mancato nei programmi musicali della nostra scuola. Sento che siamo TUTTI più poveri per questo perché non sapremo mai come le nostre vite personali potrebbero essere più arricchite dagli studenti della nostra stessa città, se avessero avuto l’opportunità di esprimersi attraverso la musica. Come disse il poeta… “Noi moriamo con tutta la nostra musica in noi”.

Se lo studente è abbastanza fortunato da essere in una band jazz o da palcoscenico del liceo, POTREBBE avere l’opportunità di imparare a improvvisare. Di solito è lasciato al direttore della band se
l’improvvisazione sarà o non sarà insegnata. Domanda: “Come puoi insegnare ciò che non sai?”

Ancora una volta, i college e le università non insegnano agli insegnanti di musica come essere creativi nei loro metodi di insegnamento o come improvvisare mentre insegnano. Sento che è perché a loro stessi non è mai stata data l’opportunità o l’incoraggiamento per essere creativi con la musica. Amano la musica
ma non riescono mai a FARE MUSICA. Fare musica significa essere il creatore delle melodie, delle armonie e dei ritmi. Tanta musica… vortica nelle menti degli studenti, ma riusciremo mai a sentirla…?

Abbiamo preso la libertà degli studenti di suonare e li abbiamo costretti a una modalità competitiva. Suonano alcune canzoni, più e più volte, da eseguire in una competizione, festival o concorso nella speranza di vincere un trofeo. Questo non è lo scopo della musica! Quando il direttore di una band sente di dover vincere alla grande
per mantenere il suo lavoro, e questo accade, siamo tutti nei guai.

E, naturalmente, i programmi musicali negli Stati Uniti sono nei guai. Sappiamo tutti che i primi programmi ad essere tagliati sono la musica e l’arte. Se ai musicisti fosse mostrato come essere creativi oltre a suonare in un ensemble, l’amministrazione potrebbe guardare in modo diverso ai programmi musicali. Sono sicuro che i genitori non vorrebbero tagliare un programma che offrisse ai loro figli l’opportunità di crescere, essere creativi e aggiungere autostima.

Chi acquisterebbe consapevolmente uno strumento se sapesse alla fine del liceo che non lo userebbe mai più? Quale genitore investirebbe in questo tipo di pensiero? Sono sicuro che se dicessi al genitore che questo è ciò che accade il 99% delle volte, probabilmente risponderebbero: “Voglio che mio figlio giochi e si diverta
musica per tutta la vita, non solo attraverso la scuola”. E se la matematica o l’inglese fossero insegnati in quel modo? Non immaginate che anche quei programmi verrebbero tagliati durante i tagli di bilancio?

Non riesco a immaginare un insegnante di scuola superiore che lavora ripetutamente con i suoi studenti sull’indirizzo di Gettysburg per tre mesi o più solo per riuscire a portare a casa un primo posto a un concorso.

Una citazione anonima recita: “Concorrenza e cooperazione non possono coesistere”. Molti direttori di band sentono di averlo fatto
gareggiare, per “tirare fuori gli studenti”, iscriversi in banda. Non dubito che questo sia vero in molti programmi a causa del modo in cui la musica viene trattata come un evento sportivo… qualcuno vince, qualcuno perde.

Ho ascoltato diverse band jazz in cui tutti nel gruppo si sono alzati in piedi e hanno fatto un assolo interessante. L’improvvisazione veniva insegnata come una parte fondamentale della musica, e suonare solo le note scritte non sarebbe stato giusto nei confronti degli studenti che si erano iscritti al corso. Sono state insegnate le basi dell’ensemble
giocando con l’improvvisazione e tutti hanno raccolto i frutti. A nessuno piace veramente suonare il secondo violino, ma il mito che “o ce l’hai o non ce l’hai” è persistito fino ad oggi, e siamo tutti più poveri per questo tipo di pensiero.

Non ho mai sentito un perdente. Ho sentito molti studenti che non suonano molto bene perché è stato chiesto loro di suonare uno strumento che in realtà non avevano scelto di suonare, o non sono stati incoraggiati o non hanno mostrato come esercitarsi in modo che le ricche ricompense della musica possano manifestarsi dentro e attraverso quello
alunno.

La musica è uno degli elementi costitutivi dell’UNIVERSO.

Se potessimo convincere gli studenti in tenera età a comporre ed eseguire semplici melodie di loro creazione, e iniziare presto… 4a, 5a, grado e sostenerlo attraverso i gradi, ATTENZIONE! Dovresti limitare le iscrizioni ai programmi musicali. Insegna alle persone come essere creative e disegnare
sulle PROPRIE risorse e faranno musica TUTTA LA LORO VITA, non solo mentre fanno parte degli ensemble organizzati dei nostri sistemi scolastici.

Ci vorrebbe tempo e impegno per cambiare, ma tutto ciò che vale la pena richiede tempo. Sono le ricompense che fanno sembrare lo sforzo nulla.

Per troppo tempo la musica è stata trascurata nello sviluppo generale degli esseri umani. Ogni persona, ogni anima, desidera essere creativa e contribuire se solo ne avesse la possibilità. I sistemi educativi sono la strada se solo prendessero l’iniziativa.

Immaginazione è la parola chiave. Osiamo usarlo?

Continua a leggere per una possibile soluzione…

Jazz Play Along – Nardis Miles Davis (sheet music)

LA SOLUZIONE

Uno dei modi più semplici per iniziare a improvvisare è incoraggiare lo studente principiante a improvvisare, inventare semplici melodie usando ciò che conosce. Se conoscono solo diverse note di una scala, usa quelle note per improvvisare.

Man mano che imparano più note, chiedi loro di incorporare anche quelle note. Imposta un tempo lento e chiedi loro di suonare qualunque melodia gli venga in mente. Potresti
devono cantare un esempio o suonare un esempio per farli iniziare. Devono rendersi conto che creare musica da soli fa parte dell’apprendimento della musica, niente di cui aver paura.

È naturale e non ci sono perdenti.

L’ascolto di registrazioni di artisti jazz fornirà allo studente modelli di ruolo accettabili per melodie, frasi, colore tonale, uso dell’articolazione, dinamiche, ecc.

Ho scoperto che il Volume 24 “Major and Minor” è uno dei modi migliori per insegnare scale, tecnica e creatività allo stesso tempo. Tutte le 12 scale maggiori sono coperte per durate fino a 5 minuti ciascuna sull’accompagnamento registrato. Anche le scale minori sono trattate allo stesso modo.

Gli sfondi registrati rendono divertente l’apprendimento delle scale e degli accordi e questo porta alla sperimentazione che porta all’improvvisazione. È una sequenza di eventi molto naturale nell’apprendimento della musica.

Questo è uno dei modi più veloci che ho trovato per stimolare il musicista e abbattere le inibizioni.

Aiuta ad attivare il nostro cervello destro, il lato creativo, e ci dà un’idea del nostro vero potenziale. Ti ritroverai, come insegnante di musica, a proporre idee che non sapevi esistessero. Molto probabilmente l’eccitazione di FARE MUSICA ti infetterà di nuovo. Troppi insegnanti di musica hanno smesso di suonare i loro strumenti. Questo è tragico e probabilmente non accadrebbe così spesso se le basi dell’improvvisazione fossero state mostrate loro fin dall’inizio.

Il sottofondo della sezione ritmica di pianoforte, basso e batteria insegna allo studente come suonare con gli altri ascoltando la registrazione piuttosto che guardando la bacchetta del direttore. Sottolinea l’ascolto e la comprensione degli elementi musicali di base: melodia, armonia e ritmo.

Praticare le basi, le scale e gli accordi, diventa divertente e lo studente capisce perché queste basi sono così importanti. Una volta apprese, queste basi si trasformano in musica. Musica creativa. Jazz.

Ho scoperto che gli studenti imparano e comprendono la teoria e l’armonia molto più rapidamente di quanto si possa immaginare quando si mette in relazione l’effettivo apprendimento di scale e accordi con la teoria e l’armonia.

Fermati e pensaci… non dovrebbe imparare le diteggiature delle scale a portarle ad essere usate per fare musica? Certo che dovrebbe, e quando insegni anche l’improvvisazione insieme alle basi, ottieni il meglio da tutti i mondi musicali e da musicisti a tutto tondo.

Forse è il momento di portarlo in classe e incorporare la serie Play Along con la tua immaginazione. Non c’è fine alle possibilità una volta che il desiderio di fare musica veramente ti colpisce.

Il miglior download di spartiti dalla nostra libreria.

Best Sheet Music download from our Library.

Browse in the Library:

and subscribe to our social channels for news and music updates:

sheet music library

It’s nice to meet you.

Sign up to receive our new posts in your inbox.

We don’t spam! Read our privacy policy for more info.